U corridore chì hà piattatu u so sessu per esse a prima donna in a Maratona di Boston

Identità Quandu Kathrine Switzer, di 20 anni, hà scartatu e regule di a Maratona di Boston per cumpete, un omu hà pruvatu à caccialla fisicamente da a corsa.
  • Foto di Antony Matheus Linsen / Fairfax Media via Getty Images

    Un pocu più di 50 anni fà, ùn era micca solu inauditu di vede una donna participà à una maratona ufficiale. I duttori è i pratichi medichi anu vistu chì l'attu di e donne chì currianu per u sport cum'è una vita piatta cambiava - cridendu tali falzie estreme chì se e donne curressinu tali distanze crescerianu un corpu maschile, musculatu è chì i so uteri caderanu.



    Hè stata una cridenza chì hà frustratu una Kathrine Switzer di allora 20 anni, è ciò chì hà finalmente incuraghjitu à participà à a Maratona di Boston di u 1967. Ghjurnalista in furmazione mentre participava à l'Università di Siracusa, Switzer s'hè firmata à a corsa cù u so pseudonimu di scrittura neutru di genere, K.V. Switzer, per assicurà chì nimu mette in discussione a so participazione.






    U restu hè letteralmente storia è documentatu in ciò chì sò oghje cunsiderate fotografie iconiche chì dettanu fisicamente a dinamica di sessu al di là di u sbilanciu di a fine di l'anni 60. Un ufficiale di corsa hè vistu chì prova à piglià Switzer da daretu è strappà u so babbu participante quandu diventa evidente chì Switzer era veramente una donna. Simultaneamente, u novu di Switzer, participendu ancu à a maratona, spinge l'omu in terra per chì Switzer continuessi à corre.





    Foto di Paul Connell / The Boston Globe via Getty Images

    In un estrattu da a so memoria, Donna di Maratona , Switzer ùn hà micca capitu di ciò chì a so entrata in maratona diventerà prestu.






    Ùn avia micca idea chì avessi da diventà parte di quella storia, hà ricurdatu. Ùn curria micca Boston per pruvà nunda; Eru solu una cria chì vulia corre a so prima maratona.



    L'incredulità intornu à a participazione vuluntaria di Switzer à a maratona à fiancu à a credenza chì e donne ùn pudianu micca è ùn devenu micca corre tutte circundate à u clima culturale di l'anni 60, induve punti di vista misogini anu sempre guvernatu è decisu ciò chì era u megliu per e donne à l'epica.

    U stabilimentu medicu è atleticu era cusì inorriditu per e donne in generale è Katherine Switzer in particulare perchè in l'anni 60 anu sempre sottoscrittu à credenze di lunga data chì e donne eranu custituziunalmente incapaci di fà eserciziu intensu, Natalia Mehlman Petrzela , un storicu, prufessore in The New School è ospitante di u Podcast Presente Passatu dice à Broadly.

    A preoccupazione medica [cumunità] era chì un eserciziu intensu - cum'è corsa à distanza o sollevamentu pesante - cumprumessi a fertilità di e donne. Ma queste idee anu guadagnatu ancu più trazione perchè si adattanu à e preoccupazioni culturali. I difensori per l'eserciziu di e donne cuntestavanu cun l'ipotesi chì l'sport cultivassi sia un corpu musculatu sia un spiritu di cumpetizione, chì si pensavanu entrambi di caratteri indesiderabilmente maschili.

    Foto di S & G / PA Images via Getty Images

    Escludendu à e donne di participà à e maratone è di corre in generale, era assai una decisione basata patriarcale. Quelli chì anu creatu e regule è e linee guida centrate intornu à u sport è chì pudianu è ùn pudianu participà eranu assai rispecchiati da e norme culturali di l'epica.

    Hè impurtante di capisce chì e donne ùn sò state escluse da tutti i sport in parità, aghjusta Mehlman Petrzela. A corsa à distanza per via di a so intensità ma ancu perchè e donne chì compete in un sport individuale in strada aperta, sò state percepite cum'è particularmente fora di limiti per e donne. Ma digià in u 19u seculu, u golf, u ballu di gruppu, u tennis nantu à u pratu è a calistenia eranu tutti cunsiderati adatti [attività per e donne].

    Switzer ùn hè micca stata a prima donna à corre in una maratona di manera micca ufficiale - Roberta Gibb corse davanti ad ella l'annu prima, ma si hè unitu à a maratona di manera micca ufficiale, piuttostu chè di firmassi è di piattà u so sessu. A participazione più astuta di Switzer - ancu s'ellu ùn hè micca necessariamente illegale postu chì ùn ci era micca una legislazione scritta specifica chì dichjarava chì e donne ùn pudianu micca entra in a Maratona di Boston - era un puntu di punta necessariu chì e donne in mostra ùn pudianu micca solu participà à sporti assai intensi, ma puderianu ancu eccellere in elli dinò.

    E donne ùn eranu micca ufficialmente permesse di participà à a Maratona di Boston finu à u 1972. E donne ùn anu micca permessu di corre più di 1.500 metri di corsa prima, lascendu a participazione à a maratona strettamente destinata à l'omi, ma in i decennii successivi, si sò aderiti à u sport di corsa à longa distanza in folla .. Secunnu un Rapportu 2013 da Running USA , a participazione di e donne à e maratone hè aumentata da un solu 11% in u 1980 à un scumpientu 42% da u 2012.

    Per More Stories Like This, Iscriviti à a nostra Newsletter

    In un assaghju di u 2007 Switzer hà scrittu per u New York Times , ricurdendu u so momentu di a Maratona di Boston, hà descrittu l'attrazione rapida di e donne versu a corsa in maratona cum'è aiutu [ing] à trasfurmà i punti di vista di a capacità fisica di e donne è aiuta à ridefinisce i so roli ecunomichi è ancu à empower [ing] donne è [alzà] a so auto- stima mentre prumove a forma fisica facilmente è economicamente.

    In i mumenti precedenti à a leggendaria prima corsa di Switzer, a so mentalità era solu quella - esse capace di corre è corre in i so propri termini. Ma cume l'infinità di stampa, interviste è ricunniscenza chì l'anu seguitata da quella linea d'arrivata finu à oghje, a participazione di Switzer hè stata un mumentu scunnisciutu di attivismu chì hà preparatu a strada non solu per i corridori à vene, ma a voglia di e donne di mustrà a so forza senza sbalordimentu, in tutti i sport in tuttu.

    E donne anu vintu u dirittu di lancialu, è a facenu cun forza, ispirendu l'altri, Switzer hà continuatu in u so saggio. In 40 anni, e donne maratoniche [sò passate] da esse etichettate cum'è intrusive à esse salutate cum'è stelle di u sport.